Home Blogs Edge Computing in un mare di bordi multipli
Applications

Edge Computing in un mare di bordi multipli

About The Author

Outline

Siamo al culmine della quarta rivoluzione industriale, dove i mondi digitali, fisici e sociali si intrecceranno oltre la nostra immaginazione. Questo nuovo mondo dell’innovazione tecnologica cambierà il nostro modo di vivere, lavorare e comunicare. Le aziende saranno costrette a evolvere il loro approccio tecnologico nella creazione e nella fornitura di prodotti ed esperienze di nuova generazione che soddisfino la domanda dei clienti di informazioni e contenuti in tempo reale di alta qualità.

L’edge computing è un componente fondamentale di questa innovazione e consentirà alle aziende di offrire ai propri utenti finali soluzioni di alta qualità e a bassissima latenza. Ma che cos’è esattamente l’edge computing? È diventato un termine popolare che può significare molte cose diverse a seconda di chi stai parlando o con quale applicazione o caso di utilizzo stai prendendo in considerazione. Allora, tuffiamoci.

‍Edge computing defined‍

L’edge computing consente l’elaborazione o l’elaborazione dei dati in corrispondenza o in prossimità dell’origine (ovvero, più vicino all’utente finale).
Tuttavia, diversi fattori influenzano il modo in cui è possibile utilizzare l’edge computing, tra cui:

  1. Il caso d’uso o il problema che si sta tentando di risolvere

  2. Aspettative sulla velocità (latenza) e sulla qualità del servizio

  3. Costo

Ad esempio, l’esperienza di realtà virtuale mobile (VR) richiederà una latenza ultra-bassa (<10 ms), ma i costi e il throughput per distribuirla saranno elevati. I sensori delle città intelligenti possono consentire una latenza aggiuntiva, ma il costo per la fornitura dei dati sarà inferiore.

L’altro motivo per cui l’edge computing è così complesso è che ci sono più bordi tra cui scegliere. Il trucco per capire quale vantaggio è necessario è determinare la velocità e la qualità dell’esperienza giusta per il proprio caso d’uso specifico, allineando al contempo le aspettative aziendali e i costi che si è disposti a pagare.

I bordi multipli possono essere classificati come segue:

  1. Bordo dispositivo

  2. Edge 5G.

  3. Bordo CDN

  4. Il cloud

Bordo dispositivo

All’edge dei dispositivi, i dispositivi degli utenti finali gestiscono i carichi di lavoro di elaborazione. In questo caso, il computing e lo storage disponibili sono notevolmente inferiori, ma il caso di utilizzo consente un’elaborazione dei dati quasi in tempo reale. Ad esempio, i requisiti di latenza, privacy e larghezza di banda per le auto a guida autonoma rendono impossibile recuperare i dati dal cloud. L’edge computing all’edge dei dispositivi è anche costoso a causa dei costi iniziali dell’hardware e dell’uso di tecnologie proprietarie. Queste implementazioni sono anche molto più difficili da scalare. Ciò rappresenta un’opportunità per le aziende di migrare i workload Device Edge all’edge CDN, riducendo i costi e mantenendo la scalabilità.

Edge 5G.

Il 5G Edge offre la latenza più bassa possibile (generalmente inferiore a 10 ms, ma larghezza di banda superiore fino a 1 Gbps). Il 5G Edge contiene la piattaforma MEC (Multi-Access Edge Computing), che consente il computing e lo storage vicino agli utenti finali. Esempi di casi di utilizzo che richiedono la piattaforma 5G Edge/MEC sono l’Internet of Things (IoT), l’IoT industriale (IIoT), la realtà aumentata e virtuale (AR/VR), lo streaming video in tempo reale, la produzione industriale e la chirurgia robotica.

La capacità di supportare questi casi d’uso è ostacolata dalla necessità di una maggiore adozione del 5G (sia a casa che su dispositivi mobili) e dalla finalizzazione degli standard di settore. Fino a quando ciò non si verifica, CDN Edge può essere una soluzione intermedia in grado di colmare il divario tra il cloud e il 5G Edge. Visita questa pagina per ulteriori informazioni sulla piattaforma Verizon 5G Edge e MEC.

Bordo CDN

CDN Edge offre più capacità di elaborazione rispetto al 5G Edge/MEC e può anche supportare un’elevata larghezza di banda, ma la latenza è leggermente aumentata, che va da >10 ms.

Le aziende che trasferiscono applicazioni e carichi di lavoro dal cloud all’edge CDN trarranno vantaggio da una latenza inferiore e, in ultima analisi, da una migliore esperienza per i clienti. La rete di distribuzione Verizon Media, ora Edgio, offre oltre 250 Tbps di capacità di uscita e vanta oltre 7.000 reti dell’ultimo miglio, fornendo scalabilità, prestazioni e velocità globali.

Il cloud

Il cloud offre funzionalità di elaborazione e storage ancora più elevate. Tuttavia, la latenza è anche maggiore, da >100 ms a 500 ms in base all’applicazione o al caso di utilizzo. Non è necessaria alcuna infrastruttura per eseguire i carichi di lavoro nel cloud e provider cloud come Amazon, Azure e Google offrono in genere modelli pay-as-you-go, che riducono ulteriormente i costi. Esempi di cloud computing includono l’elaborazione di video, l’analisi dei big data, lo storage dei contenuti e la formazione sui modelli di intelligenza artificiale.

Conclusione

L’edge computing è una soluzione perfetta per le aziende che desiderano sviluppare nuove applicazioni ad alte prestazioni o che desiderano ridurre i costi dei servizi cloud mentre spostano le applicazioni e i carichi di lavoro esistenti dal cloud più vicino agli utenti finali. Ma ci sono più bordi, da Device Edge a Cloud Computing Edge. La scelta del margine dipende dal caso di utilizzo e dai requisiti di velocità, qualità dell’esperienza utente e costo. CDN Edge offre notevoli opportunità per molti casi di utilizzo in cui le tolleranze di latenza sono comprese >tra 10 ms e <25 ms. Può anche fungere da ponte per le aziende che desiderano migrare i carichi di lavoro dall’edge dei dispositivi per ottenere scalabilità o per le aziende che desiderano eseguire le proprie applicazioni sulla piattaforma 5G Edge/MEC una volta che è stata implementata più ampiamente.